Archivi del mese: dicembre 2013

82a2556cb9_6230969_lrg

Perché avere dei ricordi significa avere un passato.

Un po’ come quelle valigie di cartone con il cordino attorno. Magari qualche adesivo a testimoniare che quel ricordo è vero.

E di valigie vissute, vecchie e consunte, ne abbiamo tutti nei ripostigli del cuore. Ogni tanto, però, quei ricordi emergono anche se nessuno li chiama. Dal fondo di una valigia troppo piena, da un anfratto che avevamo dimenticato.

E ci punta l’indice. Dall’alto del suo senno di poi, ci insegue ricordandoci la lezione che non abbiamo mai imparato. Ci avvolge come un incubo quando ci sveglia, sudati e tremanti.

Ma il ricordo è vita. Quella vissuta e, a volte, non voluta.

Il ricordo che fa più male, quello che non avremo più. Perché il presente ha un colore totalmente diverso. Tutto sbiadito. Siamo consci di averlo perso. Ma di fatto rimane in noi, scritto, scolpito.

Perché no. La vita può farci male, offenderci, torturarci, castigarci. Ma il ricordo, quello bello, che si è portato via… quello è definitivamente nostro. E, per questo, è ancor più doloroso.

F.  

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Io e Me stessa...

Ultima luna

Perché questa sensazione di venire a cercarti
fino a dove per quanto io corra
non posso trovarti.
Quale terrore senza tempo mi spinge
a porre sopra tanto terrore l’evocarti.
Non deve placarsi la nostra pena
(sarebbe come dare inizio a un’altra condanna)
e allo stesso modo mai smetterò di contemplarti.
Luna, ancora una volta mi trovo imprigionato
nel crocevia di molteplici paure.
Il passato è tutto ciò che ho perso
e se dal presente mi rialzo
è per vedere che sono ferito
(e a morte)
perché già il futuro l’ho vissuto.
Questa, indiscutibilmente, è la sorte
che venendo dall’inferno affronto.
Strana amante,
mi resta solo da contemplare il tuo volto,
(che è il mio)
perché un fiume siamo tu e io
che percorre un altopiano incessante,
circolare e infinito:
un solo grido.

Reinaldo Arenas Fuentes

20131205-211846.jpg

Lascia un commento

Archiviato in Parole in immagini

Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e dimenticato persone indimenticabili.
Ho agito per impulso, sono stato deluso dalle persone che non pensavo lo potessero fare, ma anch’io ho deluso.
Ho tenuto qualcuno tra le mie braccia per proteggerlo; mi sono fatto amici per l’eternità.
Ho riso quando non era necessario, ho amato e sono stato riamato, ma sono stato anche respinto. Sono stato amato e non ho saputo ricambiare.
Ho gridato e saltato per tante gioie, tante. Ho vissuto d’amore e fatto promesse di eternità, ma mi sono bruciato il cuore tante volte! Ho pianto ascoltando la musica o guardando le foto.
Ho telefonato solo per ascoltare una voce. Io sono di nuovo innamorato di un sorriso. Ho di nuovo creduto di morire di nostalgia e… ho avuto paura di perdere qualcuno molto speciale (che ho finito per perdere)… ma sono sopravvissuto! E vivo ancora! E la vita, non mi stanca… e anche tu non dovrai stancartene. Vivi!
È veramente buono battersi con persuasione, abbracciare la vita e vivere con passione, perdere con classe e vincere osando, perché il mondo appartiene a chi osa! La Vita è troppo bella per essere insignificante!

— Charlie Chaplin

20131201-194842.jpg

Lascia un commento

Archiviato in Parole in immagini