Archivi del mese: maggio 2012

Boeing B-787 atterra a Grottaglie

È atterrato in Italia il Boeing B-787 Dreamliner, il primo jet passeggeri di una nuova generazione di tecnologia che permette di avere un aeromobile “green” mai realizzato finora.

Il viaggio è iniziato a Pechino lo scorso gennaio ed ha raggiunto tutti i paesi che hanno contribuito alla produzione e al possibile utilizzo del Boeing. Tra questi anche l’Italia che, con il suo 14 per cento, ha ospitato la costruzione e il successivo primo atterraggio dell’innovativo aeromobile negli stabilimenti di AleniaAermacchi di Grottaglie, in provincia di Taranto.

Ed è proprio a Grottaglie che sono stati fabbricati due tronconi della fusoliera interamente in fibra di carbonio. Ma l’aspetto più interessante dell’aereo Dreamliner sono i suoi consumi, tagliati del 20 per cento, e l’inquinamento acustico dei motori, diminuito del 60 per cento.
Confortevoli anche gli spazi a bordo. I passeggeri potranno godere di un ambiente nel quale la pressione è più bassa e l’umidità più alta, caratteristiche che sono state pensate per diminuire gli spiacevoli effetti del jet lag dei viaggi a lungo raggio. Ogni finestrino, inoltre, è dotato di un pulsante che ne permette l’oscuramento in modo da creare un effetto “notturno” su richiesta.

La fibra di carbonio, di cui l’aereo è costruito, permette una netta diminuzione dei fori per le viti atte al montaggio della fusoliera. Laddove ne occorrerebbero un milione, sono solo 10 mila quelle utilizzate.

Negli stabilimenti Alenia di Grottaglie, si è lavorato per costruire questo aereo di nuova generazione in grado di effettuare viaggi cosiddetti “punto a punto”, ossia ideato per collegare varie città grazie alla sua autonomia senza però preventivare scali tecnici negli hub principali.
Giuseppe Giordo, amministratore delegato di AleniaAermacchi, afferma: “Pensavano all’inizio fosse un’operazione rischiosa investire nella partecipazione allo sviluppo di questo aeroplano. Abbiamo dedicato un miliardo di euro ma ora avremo lavoro garantito per i prossimi trent’anni in tecnologie avanzate. Ed è un risultato ottenuto perché abbiamo investito nell’innovazione, la sola che aiuti ad avere un futuro“.

Secondo questa prospettiva, dunque, il Boeing B-787 Dreamliner non solo rappresenta un’innovazione nella tecnologia green, ma una reale promessa per l’immediato futuro per tanti di quei giovani che negli stabilimenti Alenia hanno trovato lavoro.

Gli aeromobili Dreamliner costano 200 milioni ciascuno ed hanno una capacità di circa 250 passeggeri che potranno raggiungere anche le 290 unità se le fusoliere saranno allungate. Si ipotizza di costruirne 1.600 nei prossimi trent’anni.

F. V.

Lascia un commento

Archiviato in Veicoli Aerei